Riferendo

“Tu non devi venire da me a riferire quali cose stai generosamente compiendo, ma a sentirti dire da me ciò che devi fare”, pare che un vescovo disse in udienza a un prete. Speriamo per il prete, e ancor più per il vescovo ignorante il nuovo testamento,
che questa sia solo una storiella. Nel Nuovo Testamento leggiamo infatti che Paolo e Barnaba, giunti a Gerusalemme, furono ricevuti dagli apostoli, raccontando la conversione dei pagani e riferendo quali grandi cose aveva compiuto Dio per mezzo loro, suscitando grande gioia in tutti. Il cosiddetto “ministero petrino”, cioè il servizio che Pietro deve alla Chiesa, non è quello di un comandante generale che invia i suoi dispacci al fronte, ma è l’esatto contrario. Somiglia ad una madre che, ricevendo in casa i vari figli, ne ascolta le storie e ne giosce, appianando eventuali tensioni e rinsaldando i legami d’affetto. È ciò che l’attuale Vescovo di Roma intende con Chiesa sinodale.

At 15,1-6 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=At+15%2C1-6&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1