Il suo confine

DA LOSPALOS, TIMOR EST – Chissà come sarebbe la versione moderna di Salomè, la figlia di Erodiade. La immagino una delle tante ragazzine postatrici di selfie da far perdere il controllo a Erode e non solo. Una scemetta pari a sua madre insomma, per essere fini. Diversa la ragazza incontrata oggi che, di fronte a questo suo mare, mi chiedeva dove finisce. È vero, dove finisce il mare? Forse i suoi antenati partirono da qui, 55mila anni fa, spinti proprio da questa domanda e fu così che scoprirono l’Australia, impossibile da vedere a occhio nudo. Il mare non finisce – le spiego – è la terraferma, è Timor, che è come una barca circondata dall’acqua. Fa sorridere la sua ingenuità? Certo, ma siamo tutti così. Abitanti di piccole isole di certezze, credenze, diffidenze e abitudini, viviamo convinti che tutto abbia inizio da noi mentre non siamo che un puntino nell’umanità.

Mt 14,1-12 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&Versione_CEI74=1&Versione_TILC=2&VersettoOn=1&Citazione=Mt%2014,1-12

Non serve altro