Quanto?

È controverso il valore delle trenta monete d’argento offerte a Giuda. Difficile anche per gli esperti dare un termine di paragone con i nostri tempi. Era l’indennizzo che andava pagato al padrone se in un incidente moriva un suo schiavo. Era la paga del pastore. Era il prezzo di un asino. Resta difficile tradurlo in euro odierni. Troppo differenti le economie. Giuda chiese quanto volevano dargli. Loro stabilirono la somma. Lo fregarono? Viceversa, non badarono a spese tanto era importante la merce? Quello che non sapremo mai è cosa deluse Giuda al punto da giungere a questo. Perché il suo amore per Gesù si era raffreddato? Tre anni prima aveva lasciato tutto e l’aveva seguito. Perché se ne era pentito? Forse Gesù aveva tradito le sue aspettative? Che cosa ti delude di Gesù di Nazareth? A Giuda bastarono trenta monete, a te cosa basta per rinunciare a dieci minuti di dialogo con Gesù?

Mt 26,14-25 uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.
Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».