Respinta da un muro

Dove la prenderemmo la forza di far Natale? Che Natale sarebbe senza il cerchio alla testa, il digestivo, le carte dei regali lì in un angolo, inutili come un bacio d’auguri? Come potremmo fare Natale se sentissimo compassione per questa folla che non ha da mangiare, che viene meno lungo il cammino, che rimandiamo digiuna, respinta da un muro con scritto “Prima noi poi gli altri”? E dove finiamo noi e dove iniziano gli altri?

Mt 15,29-37 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Mt+15%2C29-37&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1