Come la fiamma

DAL MONTE RAMELAU, TIMOR EST – Attorno al fuoco ci si scalda, nella notte in montagna, e si parla. Chi racconta del lavoro come bracciante in Australia, chi spera di essere riconfermato in ufficio anche se, da paio di mesi, non vede stipendio. Il discorso però non cade mai nel lamento anzi, sale in alto come la fiamma che lo accompagna. Questi giovani non hanno vergogna di parlare del divino, del rispetto che si deve ai luoghi sacri, a questi monti che sono santuario. Raccontano di chi fu punito per la sua superficialità con mortali cadute. No, non fu Gesù a punirli, lui no. Ma… accadde. “I know that malae people can’t understand this” – gli stranieri non possono capirlo – dice una ragazzina. Ma se è vero che nessun profeta è ascoltato in patria, essendo io “malae”, vi ascolto volentieri e imparo.

Lc 4,16-30 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Lc+4%2C16-30&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Intervista a sr.Alma Castagna https://www.vaticannews.va/it/podcast/le-nostre-interviste/timor-est-intervista-suor-alma-castagna.html