Connettiti a me

Forse ha ragione, non ne vale la pena. Sì, certo, occorre sapere cosa si vuole dire: annunciare il Vangelo non è un’improvvisazione cabarettistica. Non è però nemmeno una lectio magistralis. Non serve prepararsi con ansia e tensione, quasi che l’efficacia della nostra parola dipenda dal nostro accanimento cerebrale. Dipende da noi, ma in altro modo. Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra testimonianza ma di preparar voi stessi a ricevere l’intuizione di ciò che andrà detto nel momento stesso in cui parlerete. Infatti io vi darò parola e sapienza. Vi preparerete dunque a connettervi a me in Spirito.

Lc 21,12-19 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Lc+21%2C12-19&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1