Vieni e vedi

DA BAGUIA, TIMOR EST – I giovani osservano e per i bambini è un gioco. Intanto il “tais” si intesse, filo per filo, e non c’è macchina che possa fare meglio. Sarà dote di matrimonio o sudario di sepoltura, dipende da cosa verrà mai di buono domani. Sotto la palafitta a strapiombo sulla pianura, il telaio continua la sua opera. E, mentre si tesse, si chiacchiera o si tace. E tutti si ha la sensazione di essere conosciuti, non c’è bisogno di dir molto. Vieni e vedi, fermati e guarda. Questa è la nostra vita. Tu sali e poi scendi, racconterai di noi che rimaniamo qui.

Gv 1,45-51 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+1%2C45-51&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Gli occhi di nonna Maddalena