E fuori volano

Quando la morte danza macabra sul legno delle croci e ride. E i morti li devi seppellire in fretta, senza piangerli, senza stringerli un’ultima volta. Come lui, morto abbandonato e sepolto in fretta, con la promessa di ultimare tutto dopo, quando si potrà. Ecce homo, ecco l’umanità. Tre miliardi e mezzo di persone chiuse in casa, impaurite. E fuori, invisibile, la malattia e la morte che volano ovunque e ci rendono tutti uguali.

Venerdi santo Gv 18 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+18%2C1-+19%2C42&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1