Anche l’altro

I romani non hanno l’abitudine di condannare un uomo prima che abbia la possibilità di difendersi davanti ai suoi accusatori, disse Festo, raccontando al re il caso di Paolo. Dunque, ogni volta che ci basta un titolo, un video, un sentito dire, per ritenere l’altro indubbiamente colpevole, noi balziamo indietro a più di duemila anni fa. Conviene sempre ascoltare l’altra parte, perché anche l’altro ha le sue ragioni.

At 25,13-21 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=At+25%2C13-21&Cerca=Cerca&Versione_TILC=2&VersettoOn=1