Vestito a festa

Mi ami tu?, chiede tre volte il risorto a Pietro. Domanda misteriosa. La resurrezione dunque non cancella ma semmai aumenta la sete d’amore? L’uomo risorto, l’uomo pienamente maturato, necessita amore. Mi ami tu? Un bisogno dunque che non viene dalla mortalità e dalla debolezza ma, al contrario, dalla resurrezione e dalla divinità. Anche la più piccola creatura cerca di rispondere alla domanda, cerca di dire il suo sì, tu sai che ti voglio bene. Come questo fringuello maschio, che ho sorpreso indaffarato a portare cibo a moglie e figli, vestito a festa da Dio Amore.

Gv 21,15-19 Gesù risorto disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi». http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+21%2C15-19&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1