Business

Apprezzò moltissimo questo gesto di amore senza limite, questi trecento grammi di puro nardo, assai prezioso, che Maria versò sui suoi piedi. Giuda invece non apprezzò. Semmai prezzò: non si poteva vendere questo profumo per trecento denari e darli ai poveri? Tutti e tutto sempre sottoposti a valutazione, sempre prezzati, a capire se ne valga la pena. Non sempre mi avete con voi, dice Gesù. E se non ti teniamo con noi, nelle nostre decisioni, allora persino l’amore viene messo a bilancio, persino i poveri diventano un business, come per Giuda. Guarda il video

Gv 12,1-11 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+12%2C1-11&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Settimana santa

Che emozione cominciare la settimana santa, con le chiese che lasciano il viola e si vestono di rosso. Il colore dell’amore e dell’odio che fa scorrere il sangue, il colore della timidezza e della rabbia. Il rosso dell’alba e del tramonto, dell’inizio e della fine. Che emozione, che regalo poterla celebrare, almeno qui da noi in Italia. Buona settimana santa! Guarda e condividi il video

In quel luogo

Sfuggì da quelli che stavano per catturarlo e tornò al di là del Giordano, nel luogo dove Giovanni prima battezzava. Molti andarono da lui, e in quel luogo molti credettero. Dunque la nostra fede può essere segnata anche dalla geografia, da luoghi precisi in cui abbiamo intuìto, capito, scelto. Forse anche per lui era stato così. Ci tornava nei momenti difficili, su quella sponda del Giordano, dove era stato battezzato dallo Spirito, dove si era sentito chiamare figlio amatissimo, dove aveva iniziato a camminare tra la gente con un messaggio in cuore. Iscriviti gratis per ascoltare l’intervista https://collegioborromeo-it.zoom.us/webinar/register/WN_FMBMSJ6ATgCTSfHDZwwn_Q

Gv 10,31-42 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+10%2C31-42&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Annunciazione

Se fosse questo il mio nome, il tuo? Annunciazione. Chi è, un angelo, se non una parola, un messaggio? Non è forse questo ciò che significa ἄγγελος ? E che cosa sono i diavoli, i demoni, se non angeli ribelli, cioè messaggi bugiardi? Cosa annuncio al mondo io, che parola scrivo nel cuore di chi mi incontra?

Annunciazione del Signore http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Lc+1%2C26-38&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Dove e quando

Come tutti i gaffeur non se ne rese conto e, credendo di essere elegante, il parroco chiese in pubblico al rabbino: “Perché lei non è cristiano?”. Quello, abituato a queste ruspe, non si scompose e sorridendo disse: “Perché io non sono nato da sua mamma e lei non è nato dalla mia!”. Noi siamo figli di Dio, dicevano quelli a Gesù, credendo d’essere gli unici. Inutile vantarsi delle proprie origini e nemmeno della propria religione. Nessuno sceglie dove nasce né da chi. Se nasciamo in un bel posto e da brave persone, c’è solo da esser grati alle stelle (e a Chi le ha create). Se non è così, non c’è da vergognarsi. https://lalocandadellaparola.com/youtube-locanda/

Gv 8,31-42 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+8%2C31-42&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Consapevoli

“Quale è la sua più grande paura?”, mi chiedevano ieri delle quindicenni in classe. Che bella domanda: di cosa abbiamo veramente paura? Fatti un serpente e mettilo su un’asta – disse Dio a Mosè – chiunque sarà stato morso dai serpenti e lo fisserà, non morirà. Forse significa questo. Che solo la consapevolezza delle nostre paure eviterà che diventino mortali. Il negarle, invece, darà loro più forza. https://lalocandadellaparola.com/youtube-locanda/

Segna in agenda https://collegioborromeo-it.zoom.us/webinar/register/WN_FMBMSJ6ATgCTSfHDZwwn_Q

Nm 21,4-9 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Nm+21%2C4-9&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Chi non ha peccato…

Ci metti una forza che non credevi di avere. In quella pietra che getti, vi è tutta la tua rabbia, le frustrazioni di una vita. Tutto si sfoga lì, con quella parola che colpisce chi ha peccato, chi ha sbagliato. Donne come questa vanno lapidate! urlavano in gruppo. Quando si è anonimi, si dicono cose di una violenza impensabile. Basta leggere i commenti sui social per constatarlo. Lapidare è proprio questo. È sapere che sì, certo, qualcuno muore, ma non solo per il tuo colpo. Trovi forza di dilaniare chi ha sbagliato proprio perché si è in tanti a farlo e lui non vede. Ammonire i peccatori, invece, è opera d’arte, è opera di misericordia: Neanche io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più. https://youtu.be/1fjodRgCDGs

Gv 8,1-11 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+8%2C1-11&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1

Attirerò tutti a me

Quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me. Dalla croce, li attirerò. Perché fino in croce resisterò. Mi innalzeranno sulla croce, perché ogni condanna deve essere pubblica ed esemplare. Anche la mia lo sarà: tutti vedranno dove porta l’amore. Quando mi vedranno morire così, amando senza condizioni, allora sapranno che il principe del male di questo mondo è stato sconfitto. Guarda https://youtu.be/1fjodRgCDGs

Gv 12,20-33 http://www.lachiesa.it/bibbia.php?ricerca=citazione&mobile=&Citazione=Gv+12%2C20-33&Cerca=Cerca&Versione_CEI2008=3&VersettoOn=1